BADESSE: cambio di manico, al posto di Polidori ecco Neri

31 Ottobre 2017


FRANCESCO NERI detto "Pivello" e ridetto "Bonvi" classe di ferro 1976, é approdato nela Categoria Regina alla guida del Sinalunga nel Novembre 2011 promosso da Tintura dalla Juniores Regionale .......con le giovanili ha ottenuto risultati straordinari, i suoi giocatori sputavano sangue per lui e lo hanno seguito in tutto e per tutto, secondo me proprio perché é corretto e coerente e soprattutto perché con lui vincevano spesso. Con i ragazzi ci sa fare, sa farsi voler bene...non so come cazzo facesse. Ero proprio curioso di vederlo alla prova anche con i "grandi"! ...ebbene ha fatto vedere tutto il suo repertorio: ...intransigenza sul modo di allenarsi, decisione ad ottenere la piena disponibilità dei giocatori e astuzie di tattica. Ha la passione giusta e le conoscenze adeguate...lo definirei un professionista nelle sue cose! Perché le prende proprio professionalmente... Ha fatto un librone pieno di schemi dove annota tutte le "situazioni" tattiche che gli vengono in mente. Prova tutto, studia tutto e tutti. Il calcio di oggi, anche in queste categorie, impone preparazione fisica eccellente, le novità tattiche sono importantissime per mettersi in evidenza, quindi è normale che uno giovane e sveglio come il Nostro cerchi di carpire tutto quello che i colleghi più navigati propongono di volta in volta. Da qui il famoso libro. All'esordio ne inventò di cotte e di crude e gli andò bene... : vedi la marcatura ad uomo su Frediani a Figline ...l’uso di Vasseur come disturbatore del facitore di gioco Meacci del San Donato ...l'impiego di Schillaci come attaccante per contrastare il costruttore di gioco Arcioni del Chiusi ..il corner in attacco con 7-8 chianini sulla riga della porta che al momento della battuta si lanciano all'indietro per fare immediatamente una conversione ad U e di corsa riproporsi verso la porta ...la punizione in favore degli avversari sulla quale la difesa della Sinalunghese si allinea 20 metri fuori dell'area di rigore ...lo schema su fallo laterale in attacco, un giuggiolone batte all'altezza dell'area di rigore, un altro prolunga con la nuca, un difensore rossoblu, che al momento della battuta del fallo stazionava disinteressato a centrocampo, parte di gran carriera e con la zucca schiaccia in rete sorprendendo la difesa avversaria che tutto avrebbe immaginato fuorché l'arrivo del terzino .....l'ostinazione nel voler impiegare il suo stilema Crocini tanto che Tintura l'ha dovuto rispedire dal papy a Taverne ...é un limite sciorinare tutte quelle speculazioni ma lui è umile e avrà di sicuro imparato qualcosa. È una specie di rompicazzo, certamente è uno che prende le cose sul serio e non c'è niente di più normale che prendere sul serio la propria passione. È fissato oltre che con la tattica anche con la preparazione fisica. Alle volte è troppo sanguigno! ...o forse lo é quando serve? Non guarda in faccia nessuno...fa stare fuori chiunque senza remore. Dongarrà non rientra? Spataro ha un dolorino ..non giocano! Lattanzi e Bormida scappellano?.. Gioca la riserva! Insomma, come atteggiamento direi che è giusto ... se avesse tentennamenti e qualche remora a far giocare questo anziché quell'altro sai che goduria per coloro che ancora oggi sono dubbiosi sulle capacità di questo giovane allenatore. D'altronde se non ti fai sentire ti etichettano subito come fighetta senza carattere e sei fregato. Certo bisogna stare attenti a non farsi prendere la mano...quando uno vuole sempre inventarsi qualcosa poi lo prende in culo! La cosa, però, che mi piace dire di lui è che si comporta in maniera coerente e corretta con TUTTI aggiungendo anche una notevole dose di educazione che non guasta mai... non tutti gli allenatori sono così. Calciocapace poco dopo l'esordio ha inquadrato Neri come "Bonvi", il famoso autore del fumetto satirico "Sturmtruppen".

Ma come in tutte le avventure anche quella di Bonvi a Sinalunga ebbe una fine, il 20 giugno 2015 il mister ha provato fino all'ultimo a stare attaccato a quella che riteneva la sua creatura non riuscendo a capacitarsi dei motivi che inducevano la dirigenza Giuggiolona a mettere sempre nuovi paletti alla sua riconferma. Ben tre incontri ad alto livello con il presidente Antonini e il diesse Tintura non produssero nulla se non il rimando al 4° incontro . ..fortuna ha voluto che il 15 di giugno Neri abbia accompagnato “Le Roi” alla Notte delle Stelle e in tale occasione ha incontrato il buon Calciocapace il quale gli ha fatto capire che la dirigenza Giuggiolona non ce l'aveva con lui ma che agiva come agiva solo per il loro e suo bene: ..non si può tenere un allenatore alla guida della stessa squadra per troppi anni ...e al tempo per un mister bravo come Bonvi era indispensabile tagliare il cordone ombelicale … Sono contento che abbia raccolto tale incitamento e si sia messo in dolce attesa ...lo shock deve essere stato forte perché il primo anno si mise in sabbatico e il secondo si fece convincere dalla fusione fra il Mazzola e il Buonconvento ma fu un fallimento ...adesso ha l'opportunità di ritornare nella Categoria Regia in un ambiente che conosce alla perfezione ...in bocca al lupo Bonvi


Visto 378 volte | Commenti

calciocapace

Collaboratore

Login o Registrati per commentare