No Video Assistant Referee

10 Settembre 2017


GRASSINA – AGLIANESE 1- 1 (domenica 10 settembre ore 15)


Quando la Categoria Regina prende il là Calciocapace ritrova il gusto di descrivere un match ..Il torneo ha una fisionomia ben precisa, ci sono 4, 5 società che lotteranno per evitare la retrocessione e difficilmente potranno sfuggire a tale logica, tutte le altre alla ricerca della griglia play-off e la più fortunata taglierà per prima il traguardo....Si riparte ...cominciamo proprio con due candidate ai quartieri alti ....l'Aglianese di paron Comauto va al Terra di Conquista a sfidare il Grassina di paron Zetati ..partire con il piede giusto é l'ambizione di entrambe, probabilmente alla fine si determinerà il risultato di parità ..una sconfitta di una delle due sarebbe foriera di perturbazioni.


Grassina: Inizia il secondo anno del programma triennale per salire in D

Durante una recente intervista paron Zettati ha ribadito che la stagione 2017/18 é il secondo atto dei tre che dovranno portare il Grassina in serie D. La stagione in cui verrà alzata l'asticella per migliorare il 4° posto della passata stagione ..la stagione in cui al temine dovrà essere chiaro cosa ancora necessita per spiccare il volo ..mi pare tutto molto chiaro e auspicabile però le premesse sono poco promettenti poiché la piccia tecnica dello scorso anno ha fatto le valige ...é vero che il fantasma di Capogrosso ancora volteggia in via Abele Bikyla ma una cosa é agire da stanziale un'altra da migranti ..La squadra é stata costruita a manciate anche se indubbiamente ha dei pezzi di valore ..ma così com'é non é certo in grado di lottare per le prime posizioni a meno che Zetati si renda conto per tempo che occorrono un regista e due difensori centrali atti al ruolo, se poi vogliamo dirla tutta Bellini nel ruolo di trequartista specie nelle gare in trasferta é fuoco amico. Forse adesso qualcuno capirà che verso la fine di campionato passato quando Giropalla iniziò ad avere i maldipancia e tutto venne ridotto a stress psicologico e Capogrooso si era promesso al Marzocco occorreva essere più risoluti e cambiare immediatamente cavalli e programmare il futuro con nuovi stalloni ..non muovendo foglia Zetati é rimasto in mezzo al guado e anche se é stata un'estate siccitosa ha bevuto e ribevuto. Non si può fare un squadra con 5 attaccanti di valore per tre posti e ignorare i problemi di centrocampo e difesa ..la squadra é squilibrata che di più non si può ..o si corre ai ripari a tambur battente o addio sogni di gloria ...Oddio non c'é paura di retrocedere ma di fare un anonimo campionato tanta.


Aglianese: Dopo due promozioni di fila si persegue la Terza

Da quando paron Comauto si é rimesso in moto ha arrotato senza sbandare Prima Categoria e Promozione ..la stessa cosa vorrebbe fare in Eccellenza ..a tal proposito ha ingaggiato un mister emergente come Bracaloni al posto del più pittoresco Stefano Ceri, i migliori pezzi della rosa sono stati riconfermati ad essi si aggiungono due guardie del corpo del mister, un talentuoso regista e un discreto gruppo di quote ma vediamo nel dettaglio il modulo di gioco e le caratteristiche dei bipedi

Il modulo di gioco che ha in testa il mister é il 3.4.1.2, in tutte le partite precampionato ha disposto la squadra con questo schema ..vediamone gli interpreti

Il portiere il titolare é Giona Fedele (93) l'ex Sestese assai affidabile, la riserva é il preoccupante Iacopo Ricciarelli (95) decisamente senza mani e con un piede solo

La difesa a tre al centro prevede Leonardo Francini (92) o Andrea Cappelli (96) ma probabilmente il primo perché il secondo per tutto ottembre come suo solito cammina sull'ova, é lento ad entrare in forma, sul lato dx Edoardo Biondi (92) calcisticamente sta rinculando, a sx la prima guardia del corpo Arturo Zuccarelli (92) pennellone, scarsocrinuto, mestierante, chiacchierone, piuttosto sgraziato ma efficace per grinta e gioco aereo, con il sx se la cava ma più che giocare la palla é uno spazzatore .. dei quattro il migliore é Francini l'unico in grado di far ripartire l'azione dal basso

Sugli esterni due quote, a dx Samuele Tredici (99) piccolo, tracagno, piede dx, sta sempre in posizione e spinge poco, a sx Cosimo Mazzei (00) lungagnone, difende poco, sta piuttosto alto, piede sx, vorrebbe attaccare la fascia di competenza ma lo fa senza efficacia, le alternative ai due suddetti sono a dx Gerti Bibaj (00) poco difensivo ma assai armonico nei movimenti, a sx volta la carta e peggiora troviamo Francesco Feroleto (99) un segaligno grintoso che fa quasi sempre fallo ..un pericolo per i compagni di reparto ...Il Braca é perplesso e medita di tornare sulle quote della passata stagione peraltro insufficienti Alberto Beneforti (98) a dx e Marco Galeotti (98) a sx ..forse la soluzione migliore sarebbe adattare sull'out di dx il fisicoso centrocampista Filippo Granucci (99).

A centrocampo il baluardo doveva essere Yuri Raimondo (86), sarà per l'infortunio patito lo scorso anno, il fatto é che corre lentamente ..ci sta che il suo posto lo prenda la seconda guardia del corpo Lorenzo Benassi (90), é un cursore dal fisico tozzo, sembra scolpito con il segolo, fa della grinta la sua dote migliore, nulla di eccezionale  ..un boscaiolo come ce ne sono tanti, Duccio Fioravanti (90) è il regista, é bravo nel dettare i tempi ma non é certo un fulmine di guerra; il reparto é completato dal trequartista Fabio Maccagnola (99) ex Margine passato da Lucca, è un longilineo di piede dx, buona tecnica ma poca forza fisica, non regge i 90'

In avanti due punte, l'ariete Edoardo Marzierli (93) titolare indiscutibile e una seconda punta da scegliere fra Filippo De Gori (83) é Andrea Guarisa (91), come dire mangiare e stare a vedere: testamonda Guarisa, se gli togli il fisico che gli consente di proteggere la palla, fa ben poco con i mattoni che si ritrova ..il mitico De Gori é tutto rifiorito, corre e scalpita come un grillo inventando per sé e per gli altri.

Sintesi, come si vede quella Neroverde é una squadra meno bella di come la si dipinge, fatta di giocatori di valore ma ormai abituati ai ritmi placidi delle categorie inferiori, avrà bisogno di un paio di mesi per ritrovare il tono agonistico della Categoria Regina ...se lo ritrova ...ad una squadra compassata e senza cambio di passo si aggiunge il fatto di non disporre di quote idonee. ..inoltre per vincere in Eccellenza la prima cosa da fare é munirsi di un mister abituato a farlo e di un diesse a tutto tondo, ovvero confacente al campionato che si va ad affrontare ..non credo che il Braca e il Cannavaro dell'UISP tengano tali requisiti.


Ambientazione: giornata plumbea al Terra di Conquista, pochi spettatori locali, assenti quelli ospiti sostituiti però da 10 staffieri, in divisa sociale nera, dislocati in punti strategici predisposti al controllo di ogni reparto della loro squadra, sembravano dei Buttafuori ,,c'erano anche degli ospiti di riguardo come i citti, delle Rappresentative Regionali di Juniores e Allievi, Uberto Gatti e Stefano Mannelli spalleggiati da David Crocket opinionista principe di TV Prato nonché creatore del sito Almanacco calcio Toscano ..fortunatamente la tribuna si é infoltita alla fine del primo tempo con l'arrivo dei Giuggiolini in fuga dall'alluvionato Bisenzio. ..debbo dire che l'ex Enfant Prodige barbuto é una delizia.


Schieramento del Grassina: mister Castoro deve aver pensato parecchio alla squadra da schierare in campo ….le opzioni erano due: la prima, partire con il piede giusto, rischiando poco, accontentandosi anche di un pari, la seconda, cercare la vittoria a tutti costi incurante del valore degli avversari e delle proprie debolezze….in entrambi i casi il problema era il sostituto della squalificata quota 98 Amoddio sull'out di sx ......Le possibilità erano tre: inserire semplicemente la quota Gargano (99) suo sostituto naturale  ...spostare Alderighi basso a sx con Fani (99) al centro della difesa ….oppure una sistemazione più tattica in relazione alla schieramento dell'Aglianese, Bencini basso a sx ad imperversare sulla quota avversaria e il centrocampista Saccardi (98) braccio di centrocampo a sx, tale atteggiamento sarebbe garbato un sacco bello a Calciocapace il quale avrebbe anche dedicato una particolare attenzione al rinvispito De Gori chiudendolo in un sandwich fra Mazzanti e Khodin...fatte somme e sottrazioni il Castoro ha optato per il modulo 4.1 2.1.2: fra i pali "Gattone" Paoletti, in pratica all'esordio stagionale, difensori centrali Mannelli e Alderighi, ai loro lati gli esterni bassi Kodhin (98) a dx e Galgano (97) a sx, a centrocampo Caschetto vertice basso con bracci a dx Mazzanti e a sx Bencini, vertice alto Bellini (99), in attacco Bruni e Baccini. A disposizione: il numerododici Carlucci (98), i difensori Fani (99) e Andorlini (99) i centrocampisti Maccari (97) e Saccardi (98), gli attaccanti Cragno (97) e la mosca “tze tze” Berti (98)


Schieramento dell'Aglianese: il nuovo mister ha ereditato dal precedente un fardello assai pesante ..”D'Agata “ non sarà piaciuto ai dirigenti dell'Aglianese ma in due anni li ha fatti salire dalla Prima Categoria alla Categoria Regina e per ringraziarlo la dismissione gli è stata comunicata in grave ritardo per riaccasarsi come meritava...il Braca ha mantenuto l'ossatura della precedente stagione aggiungendovi due suoi fedelissimi, il difensore Zuccarelli (92) e il mulo di centrocampo Benassi (90) più il play di centrocampo Fioravanti (90)..delle quote non faccio motto .. non é poco ..non é neanche molto ma per vincere per il terzo anno di fila il campionato paron Comauto occorre che apra almeno il bagagliaio. In precampionato i neroverdi hanno disputato molte gare e sempre con lo stesso schieramento, il 3.4.1.2 ..solo raramente sono passati al 4.3.3 inserendo Guarisa o alzando Maccagnola. Per la prima di campionato Bracaloni non modifica il modulo ma tira a sorte fra le sette possibili quote di fascia .. In porta Fedele, centrale di difesa Cappelli con ai lati a dx Biondi e a sx Zuccarelli, esterni di centrocampo a dx Granucci (99) e a sx Feroleto (99), a centrocampo il regista Fioravanti coadiuvato dal cursore Raimondo, vertice alto Maccagnola (99), al centro dell'attacco l'ariete Marzierli e sulla sx il talentuoso De Gori. A disposizione: il numerododici Iacopo Ricciarelli (95), il difensore centrale-regista  Andrea Francini (86), gli esterni di centrocampo Alberto Beneforti (98) e Marco Galeotti (98), il duttile il mulo di centrocampo Lorenzo Benassi (90), il centrocampista Lorenzo Colzi (98) e l'attaccante Andrea Guarisa (91).


The Match: é proprio vero, si passa tutta l'estate a costruire la squadra, si pensa di aver migliorato l'organico e non si ha alcun dubbio sul valore dei nuovi arrivati ...poi alla prima giornata finisci per rimpiangere la squadra della passata stagione ...il calcio é questo: una meravigliosa contraddizione ...guai se non si potesse sognare ..guai se non si rimettono subito i piedi in terra ..guai se non si ascolta Calciocapace. Grassina e Aglianese hanno battagliato fino al 94' profondendo molte energie, come mole di gioco hanno prevalso i Neroverdi ma i Rossoverdi sono stai pericolosi nelle ripartenze , l'1-1 é da considerare giusto, i migliori in capo Baccini da una parte e Marzierli d'altra, non per nulla sono stai autori di due splendidi gol. Bracaloni e Castorina devono ancora definire alcune scelte ..il primo deve decidersi a dare il comando della difesa a Francini la gestione gara invece l'ha ben condotta magari ha tardato troppo a passare al 4.3.3, il secondo deve ancora valutare la potenzialità dell'organico, certamente la soluzione del sostituto di Amoddio non é stata il massimo ...inoltre un giocatore in meno a centrocampo si é fatto sentire per tutta la gara occorreva dare più equilibrio, un cursore in più e una punta in meno.


Ha diretto l'Asino Nero Francesco Martini (1994) del Valdarno, alla 10^ designazione nella Categoria Regina ..finora noto più che per i trilli giusti o sbagliati per alcuni atteggiamenti assai fiscali alla fine delle gare dimostrando di ignorare la 18^ regola del gioco del calcio. Oggi ha saputo tenere sotto controllo uno spigoloso match ma su plateali falli con la palla in sviluppo pericoloso per la squadra che aveva causato l'irregolarità ha ignorato sistematicamente il vantaggio fischiando subito, agevolando così gli autori della scorrettezza ...si riguardi il regolamento!!!



Visto 536 volte | Commenti

calciocapace

Collaboratore

Login o Registrati per commentare