3) Calciomercato Eccellenza: “Calciocapace si Siede, Pensa e Ricama”

29 Maggio 2019


Copertina: NUOVA DISTRIBUZIONE GIRONI DI ECCELLENZA – la struttura dei due gironi di Eccellenza da troppo tempo é immutata, sono minimali i cambiamenti che ogni anno interessano i due raggruppamenti: non si riesce a scostarsi dal loro naturale spartiacque di Prato/Pistoia e le novità si contano sulle dita di una mano, esclusiva conseguenza solo delle promozioni e delle retrocessioni, una partita di giro in cui la noia la fa da padrona. Sono anni che a parole CRT e società interessate hanno la voglia di modificare la composizione ... ma al momento delle decisioni decidono di non decidere nulla. Nella stagione 2019/20 viste le attuali 33 società aventi diritto ad iscriversi alla Categoria Regina la separazione fra i due gironi si è andata spostando al confine fra le province di Firenze e Prato, per cui con gli attuali criteri questa é la suddivisione:


Girone A: (17 società) Camaiore (LU), Castelfiorentino (FI), Castelnuovo Grafagnana (LU), Cenaia (PI), Cuoiopelli (PI), Fucecchio (FI), Massese (MS), Montecatini (PT), Montignoso (MS), Pecciolese (PI), Pontremolese MS), Prolivorno Sorgenti (LI), San Miniato Basso (PI), San Marco Avenza (MS), Viareggio (LU), Vorno (LU) ..più la vincente play-off di Promozione fra il Cascina (PI) e la Lampo (FI).


Girone B: (16 società) Antella (FI), Badesse (SI) Baldaccio Bruni (AR), Colligiana (SI), Foiano (AR), Fortis Juventus (FI), Lastrigiana (FI), Poggibonsi (SI), Porta Romana (FI), Rignanese (FI), Sangimignano (SI), Signa (FI), Sinalunghese (SI), Terranuova Traiana (AR), Valdarno Fub. Club (FI), Zenith Audax (PO).


Le società Aretine e Senesi reclamano a viva voce sull'applicazione di tale meccanismo. Da una parte sono nauseate di vedere sempre le stesse facce, dall'altra fanno rilevare problematiche convincenti quali:


1) Quattro sole province interessate, Firenze, (7) società, Arezzo (3), Siena (5) e Prato (1)... ricordo che le province della Toscana sono 10. Nella stagione trascorsa sono retrocesse tre Aretine (Castiglionese, Bucinese e Pratovecchio) sintomo chiaro di come sia grave la situazione nelle vallate interessate ..il Casentino non ha più nessuna società nella Categoria Regina e Valdarno, Valdichiana e Maltiberina hanno solo una società a testa. Si é ripresa la provincia di Siena ma ciò non inganni, tale incremento é dovuto solo alle retrocessioni dalla D di Poggibonsi, Colligiana, Sinalunghese e Sangimignano e al riallamamento delle Badesse.

2) Ben 5 società (Antella, Porta Romana, Signa e Lastrigiana) sono puramente metropolitane ma anche le restanti tre (Fortis Juventus, Rignanese e Valdarno Fb. Club) si approvvigionano di bipedi in larga parte su Firenze.

3) Le società che agiscono su Firenze rispetto alle consorelle del contado sono estremamente avvantaggiate soprattutto nel reperimento dei giovani in quota poiché nel territorio di loro competenza sono locate la maggior parte delle formazioni di lega giovanile che partecipano ai campionati élite, mentre nelle provincie di Siena e Arezzo nessuna società lo scorso anno aveva la squadra Juniores e Allievi nella categoria élite per cui i cosiddetti addetti ai lavori sono costretti a litigarsi anche i giocatori di mediocre livello

4) Nel corso della stagione sono molte le variabili nei riguardi dell'aggiustamento della rosa: squalifiche, infortuni, acquisti sbagliati ecc ….é evidente che le formazioni metropolitane hanno la possibilità, diversamente da quelle geograficamente disagiate, di far fronte a tali emergenze attingendo in ogni momento dell'anno da un ampio bacino di bipedi potendo così fronteggiare ogni evenienza.

5) È forte la preoccupazione delle società del contado di essere già condannate prima di iniziare il campionato a lottare nella parte destra del tabellone (sindrome del Cupolone)...di essere solo in sei o sette a sgomitare onde evitare i 5 posti della Ghiacciaia

6) Le formazioni della città di Firenze non hanno spettatori al seguito, i loro stadi sono dei camposanti, quando vanno in trasferta nelle province di Siena e Arezzo sono grave fonte di mancanza di incassi.

Visti i punti elencati, il CRT non può continuare ad ignorare tale stato di cose, ha il dovere di rendere più omogenea la composizione dei gironi anche dal lato tecnico ...se non si sbrigano fra un paio di anni l'Eccellenza Toscana sarà ridotta a 4, 5 province ..i casi sono due: o un sorteggio pilotato che coinvolga tutte le 33 società oppure una suddivisione d'imperio che veda le formazioni metropolitane del capoluogo equamente ripartite fra i gironi A e B, in tal caso i due gironi potrebbero essere così disposti:


Girone A: (17 società) Camaiore (LU), Cenaia (PI), Cuoiopelli (PI), Montignoso (MS), Massese (MS), Lastrigiana (FI), Castelnuovo Grafagnana (LU), Pro Livorno (LI), Pontremolese (MS), San Marco Avenza (MS), San Miniato Basso (PI), Signa (FI), Zenith Audax (PO), Vorno (LU), Pecciolese (PI), Viareggio (LU) e la vincente spari finale play-off Promozione fra Cascina (PI) e Lampo (FI).


Con tale disposizione alle 9 società delle passata stagione si aggiungono 8 new entry, verrebbero inglobate tutte le squadre della Piana Fiorentina rivolte verso la costa Tirrenica.


Girone B: (16 società) Baldaccio Bruni (AR), Badesse (SI), Colligiana (SI), Terrranuova Traiana (AR), Castelfiorentino (FI), Fucecchio (FI), Poggibonsi (SI), Foiano (AR), Fortis Juventus (FI), Montecatini (PT), Antella (FI), Porta Romana (FI), Rignanese (FI), Sangimignano (SI), Sinalunghese (SI), Valdarno Fub. Club (FI)


Anche questa disposizione vede rispetto allo scorso anno 6 new entry e la salvaguarda di molti derby sia della Valdichiana che del comprensorio della Valdelsa


Resta inteso che non può essere solo Calciocapace a sollevare la questione ma é necessario che le società Aretine e Senesi si uniscano in una richiesta comune per sviluppare al meglio tale problematica, oltretutto dispongono anche di valenti delegati provinciali del CR a cui far pervenire tali richieste, sono sicuro che potranno darvi una mano. ..se non vi date da fare smettete di piagnucolare.


ANALISI DELLE PROBABILI SOCIETÀ CHE POSSONO ANDARE A FAR PARTE DEL GIRONE B NELLA STAGIONE 2019/20


1) ANTELLA (FI-Firenze Sud): ….il mister/diesse Ciounfegato é la novità più eclatante dell'Antella targata 2019/20 ...la sua agenda in un battibaleno si é riempita di nomi, appuntamenti e date ...il suo alter ego all'interno del sodalizio “Fideuram” Nuti ha assunto la carica del dicastero economico ed ha ben chiaro il budget a disposizione per il potenziamento della squadra ed é pronto a scucire i cordoni della borsa ma prima é necessario una sponsorizzazione che ancora deve materializzarli ...sarà per questo o perché Ciunfegato crede ciecamente nel valore dei suoi bipedi che li ha tutti riconfermati ...ma il pilone di centrocampo Mignani si deve trasferire per motivi di studio al Nord Italia, il centrale difensivo Travaglini ha fatto le valige per Terranuova ...e saracinesca D'Ambrosio é appetito da società di categoria Superiore.. nel frattempo i Biancocelesti hanno rotto ogni rapporto con il Belmonte dopo che il serbatoio giovanile Ripolese ha deciso una stretta collaborazione con il Grassina di Zetati....l' Antella si é cercata un altro partner individuato nel Tavarnuzze Impruneta.


2) BADESSE (SI-Triangolo delle Bermude della Valdelsa): ...il mentore Spendi e Spandi Effendi, il suo consulente personale l'”Emili” Emiliano Frediani e il mister “Sua Maestà” Giovannino Maneschi con annesse le ruote di scorta, il presidente Stefano Berni e l'ex Prima donna Stazzoni relegato ad uomo di fatica che fa buon viso a cattivo tempo, tutti insieme stanno progettando non di vincere il campionato perché questo é cosa data per scontata ma di realizzare un'impresa fuori del comune, stadio nuovo e in tre anni la serie C. ..Quindi la squadra sarà totalmente ristrutturata ...per adesso Marchi e Mannini hanno seguito mister Alunno Corbucci al Monte dei Lecci e Redi pare intenzionato ad accettare le lusinghe di mister “Broncio” Paolo Molfese alla Chiantigiana. ..per adesso l'unica riconferma é quella di Casucci indubbiamente una punta di movimento di ottima qualità ...ma presto si sentirà parlare di colpi di mercato inusuali per il Calciodinoialtri.


3) BALDACCIO (AR-Maltiberina): ….non é un caso che “il diesse “Panino” Alessandro Bruni come prima riconferma abbia annunciato il difensore Rosati, é vero, é una bandiera della società Maltiberina ma tutti sanno che é spesso claudicante e nessuno lo ingaggerebbe mai ...perché non si sente dire nulla del trio delle meraviglie Quadroni-Terzi-Ruffini??? ...semplice .. i tre validi attaccanti sono attenzionati da squadre che offrono loro molti pescioloni, più di quanto é disponibile a scucire la dirigenza della Baldaccio ...é vero che é difficile spostarli da Anghiari ma non impossibile ...l'offerta del Pratovecchio di paron Fausto Beoni é troppo appetitosa per lasciarla decadere come fosse una promozione telefonica. Panino indugia come suo costume ad annunciare il mister ma se quest'anno dovesse rifondare il fronte offensivo per quanto sia bravo sarà difficile che ritrovi tanta Grazia di Dio ...e allora la Ghiaccia é lì pronta a sigillarlo.


4) COLLIGIANA (SI-Triangolo delle Bermude della Valdelsa): ….dopo che il faccendiere Marcello Bucciarelli e mister Alessandro Deri sono stati defenestrati molti si chiedono perché quello che tutti indicano come il nuovo deux ex machina biancorosso “Sigaraccio” Giuseppe Cianciolo non viene annunciato dalla dirigenza?? ..ma signori miei… perché dal 4 marzo c.a. gli é stata inflitta una squalifica di 4 mesi per fatti relativi alla stagione 2017-18 in occasione della gara Sangimignano-Poggibonsi. In realtà il famoso “Peppe” é già pienamente operativo e al posto dell'allenatore rivelazione Deri ha intenzione di portare dal Sangimignano il suo compagno di merende Stefano Polidori che peraltro ha fatto molto bene nell'ultima parte della stagione trainando quasi in salvo i Turriti ...ma c'é chi preferirebbe mister “Aquapanna” Fabio Guarducci” desideroso di riprendere il percorso magistralmente iniziato con la Rignanese.


5) CASTELFIORENTINO (FI-Valdelsa): ….niente da fare, Gigante Gentile é un uomo di grandi principi morali, che una volta data la parola non si fa lusingare da nulla manco fosse il Paradiso. Dopo le ottime performance a Porta Romana e Poggibonsi ma anche l'interruzione del rapporto causa divergenze con le dirigenze aveva voglia di ritornare a spolverare il patentino da allenatore ... poi guardando i numeri ottenuti sul campo, che sono quelli che contano, si é detto: "ma perché, visto che nei miei 5 anni da direttore sportivo sono andato sempre a migliorare sotto il profilo dei risultati, dovrei smettere?"...

2014-2015: Gambassi: vittoria storica campionato Promozione
2015-2016: Gambassi: salvezza ai play-out campionato Eccellenza A
2016-2017: Gambassi: sesta posizione campionato Eccellenza A 42 punti
2017-2018: Porta Romana: seconda posizione, persa semifinale play-off Eccellenza B 57 punti
2018-2019: Poggibonsi: seconda posizione, vinta finale play-off Eccellenza B 72 punti

Ecco da perché la decisione di continuare a fare il direttore ed accettare, con entusiasmo e voglia di fare bene nella nuova avventura al Castelfiorentino.


6) FOIANO (SI-Valdichiana Aretina): ...la speranza di rivedere l'ex presidente “Padrepio” Vannuccini vestito di amaranto é sulla via del tramonto ...pare proprio che se ne siano perse le tracce, é un tutt'altre faccende affaccendato ... ha aperto un centro diagnostico accanto alla fabbrica di croccantini ed ora è alla prese con radiografie ed ecografie h24...però mai dire ma, si rincorrono voci che potrebbe rientrare in società qualche vecchio finanziatore, in grado di per portare qualche soldino per allestire una squadra almeno da play off.


Il nick “Rapo della Chiana” un po é, un po' ci fa, ci tiene ad aggiungere qualcosa sui motivi che hanno indotto mister “Tigre” Marco Bernacchia a rifiutare la megaofferta del paron del Pratovecchio:

1) sinceramente Foiano è una bella piazza, ha belle strutture, alla fine i pescioloni bene o male li trovano sempre grazie alle varie sagre che organizzano i dirigenti.

2) ha ricevuto carta bianca nell'organizzare la squadra sposando in pieno il progetto dirigenziale che vuol confermare le Nonne Papere e puntare sui giovani che si sono messi in mostra la scorsa stagione in primis Lorenzo Vichi

3) per quanto concerne new entry “Il Tigre ha molto insistito per il jolly Tenti della Castiglionese ma si dovrà accontentare di Cacioppini sempre della Castiglionese ...e intanto sta gattonando il difensore Menchetti e il bomber Lucatti lo scorso anno in forza alla Sinalunghese.


7) FORTIS JUVENTUS (FI-Mugello): ...Il prossimo anno sarà una difficilissima stagione per i colori Biancoverdi ...quasi sicuramente non li rivedremo nella parte destra della classifica ….Si va verso una riduzione del budget per cui i giocatori più costosi e quelli residenti fuori della vallata saranno cassati ...la squadra sarà formata da bipedi stanziali in Mugello. Per tali motivi il diesse “Sigarino” Massimo Manganelli non ha trovato l'accordo con i tenutari Biancovedi ...anzi si narra che stia smontando la capanna che ha lungo la Sieve nei pressi del Ponte di Annibale …


8) LASTRIGIANA (FI-Piana Fiorentina): ...l'arrivo di Calderini sta generando un fuggi fuggi: Vincenzo Iaquinandi (95) e Leonardo Francini (92) si sono già accordati con la new entry Terranuova-Traiana, Olivieri é in parola con il Castelfiorentino e Di Tommaso sta per chiudere con il Montespertoli del diesse “Pelatino” ….per adesso i giocatori riconfermati sono l'attaccante Duccio Berti (98), il portiere Alessandro Giovanniello (93) e il difensore Edoardo Biondi (92) ..a detta del diesse/sfaccendiere “Quattrocchi” Pucci é proritaria la ricerca di un attaccante in grado di andare in doppia cifra e di un esterno di centrocampo.


9) POGGIBONSI (SI-Triangolo delle Bermude della Valdelsa): ….i Giallorossi hanno superato la semifinale, adesso c'é la finalissima contro i marchigiani del Sant'Elpidio ...se nel doppio confronto i Leoni primeggiano hanno un posto assicurato in serie D ..se sconfitti basterà una semplice domanda di riallamamento ma... in un caso o nell'altro la società ha intenzione di fare la serie D?? ...la loro situazione dirigenziale é ancora alquanto confusa ..sia per quando riguarda la conduzione del sodalizio sia per la guida tecnica ..c'é chi ipotizza che sia un tutt'uno ovvero la piccia “Scarsocrinuto” Fusci/”Cotenna” Vellini sia al timone della società che alla guida tecnica.


10) PORTA ROMANA (FI-Urbe Metropolitana): …. giustamente il diesse Chiarelli, una volta sostituito mister Calderini con Lacchi e averlo fornito dei soliti collaboratori della passata stagione come il viceallenatore Leonardo Mastrantoni e l'allenaportieri Rossano Bastianelli, si é prontamente interessato dei bipedi da riconfermare ..in primis si sono arrivati dal centrocampista Giulio Mazzanti, dal bomber Vecchi, dai gemelli Matteo, dal portiere Morandi e dallo storico capitano Santini a questi big si aggiungeranno molti bipedi della squadra Juniores che hanno fatto già diverse apparizioni in Eccellenza. Ma non tutto funziona ...nel settore giovanile il progetto Oltrarno non va ..il Galluzzo reclama metà delle prebende utilizzate per le spese di gestione, i Portaromanini non condividono. Ci sta che si rompa tutto.




11) RIGNANESE (FI-Valdarno) ...c'é da fare un gran lavoro …. paron “Profumo” Fabio Bettucci, il diesse Bacconi e il neo mister Francesco Lucchesi si sono messi all'opera ...come priorità c'é la riconferma del maggior numero di bipedi che facevano parte della Rosa che tanto bene si é comportata sotto la guida di mister Franceco Nenciarini che adesso é a farsi allungare il collo da Re Giorgio nella speranza di venire accolto dall'Aquila. Il problema é che molti bipedi che hanno calcato il Ponte Mediceo erano solo in prestito e le società o i procuratori che li gestiscono prima di riaccordare il prestito alla Rignanese vogliono capitalizzare il bel torneo effettuato dai lor bipedi proponendoli in location più prestigiose ...quindi, adesso in attesa che l'acque si calmino, l'area tecnica della Rignanese sta prestando attenzione al mercato nella speranza di agganciare qualche nonna papera d'occasione e qualche promettente bipedino ….


12) SANGIMIGNANO (SI-Triangolo delle Bermude della Valdelsa):Va beh!! ..che é stato chiamato dal diesse Aleandro Aiazzi ma “Pescacciatore” Fabio Ercolino ha avuto un bel coraggio a ripresentarsi sullo stesso palcoscenico dal quale a gennaio era stato buttato giù ...certo appena un anno fa di questi tempi con i Turriti Ercole conquistava dopo lo spari con la Cuoipelli la serie D facendo sobbalzare di gioia il presidente Nogara che peraltro al momento dell'esonero di Marmorini aveva provato a richiamarlo ma il mister indispettito per aver pagato colpe non sue aveva declinato per impegni di lavoro. In totale per lui questa sarà la nona stagione con il San Gimignano; dopo un quadriennio e un ritorno al San Donato Tavarnelle, era tornato sotto le Torri nell'estate del 2016. Adesso appena riapprodato sulla panca dei Turriti mister Pescaccaitore ha gettato acqua sul fuoco dichiarando “sul passato ho messo una pietra sopra”.


13) SIGNA (FI-Piana Fiorentina): ….Ora che il Grancapo canarino Andrea Ballerini ha fatto pacificare il vecchio papero ”Peo” Alessio Nunziati e il gallettino “Bandiera” Samuele Balestri ...tutti e tre dovranno fare un esame approfondito della passata stagione. Non c'é dubbio che é stata desolante non solo perché la salvezza é giunta per il rotto della cuffia ma soprattutto per le tante, troppe, idiosincrasie nello staff tecnico che hanno portato mister “Animalunga” che già era novizio alla categoria e per di più con un'abbondante dose di presunzione a ruzzolare la rosa dei bipedi a più non posso finendo per assemblare una marmellata dove non si capiva più chi erano i bipedi migliori per cui nello stilare la formazione spesso si percepiva il gioco della tombola. Il Signa non si é salvato certo per merito dei tecnici chiamati ad assemblarlo ..ma si é salvato!!! ...quindi devo riconoscere che il merito é tutto del gruppo di sostegno di tifo organizzato autonominatosi “Boys 78” da alcuni anni al seguito della squadra gialloblu sia fra le mura amiche che in trasferta ...tale rassemblement sta prendendo sempre più piede dopo l’inaugurazione della loro nuova sede situata sopra lo Stadio del Bisenzio avvenuta nel febbraio 2018 si ostenta sempre più come la colonna portante del Signa Calcio con la scusa della passione per il gialloblu, il senso di appartenenza ad una città e l’amore per i “Canarini” ...i loro slogan da caserma che ripetono all'infinito sono: Signa è la nostra Fede, Signa è la nostra Storia, Signa è il nostro Orgoglio, Signa è il nostro Onore, Signa siamo Noi. Si sentono unici ed inimitabili ..la loro espansione é in ascesa, adesso si sono inventati sul Web e anche sugli Spalti il bar virtuale "La Curva", in tali location pubblicano foto delle loro imprese, vengono elencate le loro attività, accettano domande per sviluppare discussioni e trincano Beer a più non posso. Okkio Dirigenti Canarini, presto potrebbero prendere il vostro posto nella stanza dei bottoni.


14) SINALUNGHESE (SI-Valdichiana Senese): ..all'indomani dello spari salvezza perso contro lo Scandicci per la permanenza in serie D il direttivo dei Giuggioloni ha preso immediate decisioni: ha ringraziato mister Fani del triennio da mister ma la separazione é stata inevitabile..si vuol ripartire con un nuovo allenatore per gettare le basi per un altro ciclo ..anche i giocatori hanno iniziato a fare le valige a cominciare da quello più amato, Tony Vasseur, che si é incamminato verso il Monte dei Lecci. Tintura ha incaricato i suoi collaboratori di studiare la possibilità di un ripescaggio in serie D, in tal caso il mister prescelto e il noto “Marmo” Simone Marmorini altrimenti se sarà confermata l'eccellenza si punta su un mister da far crescere insieme al nuovo gruppo del quale non faranno parte molti giocatori perché o deludenti come Mancini e Adamo o richiesti da altre squadre per cui difficilmente trattenibili come Marini, Lucatti e Menchetti. ..Sul fronte arrivi si vocifera di un interessamento per Sekseni della Castiglionese e pare proprio che sia prossimo.


15) TERRANUOVA-TRAIANA (FI-Valdarno): ….la società che vede il presidentissimo Mauro Vannelli, al timone ormai da 50 anni, prima alla guida della gloriosa Traiana, poi da 5 anni a capo del sodalizio biancorosso, nato per riportare il calcio giocato nella città di Poggio Bracciolini, dopo la sparizione della Terranuovese. A Terranuova per la prima volta nella storia è stato vinto il campionato di Promozione, ma anche perso una coppa Italia malgrado il doppio vantaggio a 10 minuti dal novantesimo. In 12 mesi si è passati da essere quasi in prima categoria, play out a Troghi da peggio classifica vinto 2-0 con il Palazzolo, all'eccellenza, ottenuta all'ultima giornata in un torneo da scaracoccio. L'avvento del diesse Donello Resti e di mister Marco Becattini, insieme ad un manipolo di giocatori transfughi da Laterina, mixati agli storici terranuovesi, su tutti l'immarcescibile Riccardo Bettini, hanno fatto il miracolo. Da quello che ne so io i pescioloni non ci sono: in verità non ci sono mai stati. Il dg Simone Finocchi ha sempre fatto miracoli: speriamo si ripeta. La squadra dovrebbe essere riconfermata in blocco. A breve sono programati incontri per la definizione del budget a disposizione del diesse, che per il momento naviga a vista.

Vi do per certo che Francini e Iaquilandi per 4x4 pescioloni a testa hanno già firmato per la Traiana, il jolly Tenti insieme a Biscaro Parrini stanno per farlo e che il portiere nel mirino é Lorenzo Garbinesi (97) secondo di Scarpelli alla Sangiovannese.


16) VALDARNO (FI-Valdarno): ...il nuovo tecnico delle Ovaiole é Roberto Benesperi, pratese di 46 anni, la stagione scorsa, alle redini della Under 15 dell’Empoli ..é un protetto di Filippo Corsi che doveva andare alla Sangiovannese o almeno così gli era stato detto ..ma dopo che Capogrosso ha ingaggiato per questioni di opportunità mister Simone Calori ha aiutato l'amico Filippo a sistemare l'aspirante trainer presso un il suo carissimo amico Mazzolino. …. il curriculum vitae da allenatore di Roberto Benesperi é iniziato nel dicembre 2007 con il conseguimento dell’attestazione “Istruttore Giovani Calciatori Coni/FIGC”. Da lì un crescendo voluttuoso di diplomi, corsi di studio, qualifiche e tapirulan da far invidia al Trap. Inizia a insegnare calcio nel Mezzana dove vi rimane fino al 2011, successivamente passa al Prato fino al 2014 come istruttore e allenatore di Esordienti e Giovanissimi. Dal 2014/15 ad oggi ha fatto parte dello staff giovanile dell'Empoli con la qualifica di “Maestro della Tecnica” prima con la Primavera di Buscé e poi alla guida della squadra Under 15. Contemporaneamente ha portato avanti attività in proprio in qualità di istruttore presso i Camp estivi ..ha messo su la Soccer School Academy R.B dove é responsabile tecnico di numerosi stage di formazione tecnica.

Eupalla ha letto per intero il suo curriculum, é rimasta con l'okki strabuzzati ed ha esclamato “É un allenatore sui generis per il calciodinoialti“. Per darvi qualche elemento in più ecco alcune risposte di Benesperi a domande ad hoc sulla figura del “Maestro della Tecnica” e sulle esperienze lavorative avute


Il suo ruolo all’interno di un società professionistica italiana di alto livello è quello di “maestro della tecnica”. Può spiegarci quali sono i requisiti essenziali di questa figura professionale? Precisando che in Italia questo ruolo è poco conosciuto a differenza che all’estero, direi in primis la capacità d’insegnamento del gesto tecnico e di conseguenza le competenze per scomporlo sono fondamentali; di seguito l’abilità tecnica per poter dimostrare l’esatta esecuzione delle diverse fasi e la loro successione. Inoltre è estremamente importante avere la creatività e la capacità d’insegnamento del gesto per saper “correggere” con i modi, i tempi e le indicazioni corrette”.


Quali sono state state le tappe più significative della sua vita calcistica? “Da calciatore sicuramente l’esperienza fatta nel settore giovanile della Fiorentina. Da istruttore il triennio passato a Prato ed Empoli che ho sempre ritenuto l’obiettivo primario per potermi confrontare in un top club a livello di settore giovanile nazionale ed internazionale”.


Calciocapace non capisce cosa c'incastri Roberto Benesperi con il Calciodinoialtri ma gli fa comunque un grosso in bocca al lupo e lo invita in futuro a redigere curriculum Vitae e da Conducator assai più stringato …..essere prolissi ed enfatici é sempre nocivo.


17) ZENITH AUDAX (PO-Piana Pratese): ….Per capire qualcosa di più riguardo ai Blaugrana Calciocapace ha inviato un quesito elettronico al suo corrispondente laniero tal “Cardato” ….incredibile, per il 5^ anno consecutivo mister Bellini guiderà la truppa del presidente Carmine Valentini ..intanto “Massiccio” Enrico Cammelli ha fatto un altro flop facendosi rifiutare dalla Politica. Si narra che qualche Nonna Papera sarà starnata e messa a frollare in freezer ...non ne sono del tutto convinto ...sarei più propenso a credere che arriveranno altri bipedi residenti in zona

Sono “Cardato”, “ciao Calciocapace, quello che dici tu é vangelo ...allo Zenith sono diventati dei “gattopardi” fanno finta di cambiare indirizzo ma poi la strategia é sempre la stessa infatti dopo molta incertezza hanno deciso di continuare con Bellini, credo che ripartiranno dal gruppo dell'anno appena passato inserendo una punta (Pagnotta?) e almeno un difensore centrale, a centrocampo difficile la riconferma di Lenzini, proveranno a prendere Fioravanti dal Fucecchio, cercano anche un portiere 2001 con Brunelli a fargli da chioccia.


APPENDICE

Calciocapace e Dintorni: …..COME SI ASSEMBLA UNA SQUADRA …i tempi son cambiati, i pescioloni son finiti per cui sbagliare é imperdonabile ...fino a pochi anni fa tutti gli addetti ai lavori alla domanda in oggetto avrebbero risposto: si costruisce un asse centrale, portiere, difensore, centrocampista e bomber e voilà, il resto vien da sé. Non dimenticate che alcuni di quei ruoli chiave erano occupati dalle cosiddette “bandiere” per cui solo 1 o 2 erano gli interventi da fare. Adesso i regolamenti son cambiati, il vincolo é un optional, l'attaccamento ai colori sociali una fantasticheria, le competenze assai declinate e c'é l'obbligo delle quote, argomento che fa venire il nodo alla gola. Le quote tutti dicono che sono fondamentali per avere una buona squadra ...Calciocapace non la pensa così, le quote fra averle bone o pocobone fa poca differenza perché anche ammettendo di riuscire ad ingaggiare il top del top hanno da smaltire lo svezzamento dal settore giovanile, da prime donne si trovano ad essere un numero e si deprimono, non sanno stare in campo, mancano spesso di forza e agonismo e infine anche le migliori vanno fatte rifiatare nel corso della stagione altrimenti si cociono ...non dimenticatevi che le tanto decantate quote quando cessano di esserlo, all'80% vengono sbolognate. ...per cui se una quota fallisce poco male ...se ne mette un'altra ..il danno economico e tecnico é assai relativo. Detto questo ben si capisce che é di vitale importanza nella costruzione di una squadra non sbagliare i cosiddetti vecchi perché nella malaugurata ipotesi il nocumento tecnico e al portafoglio è sostanziale e quando ci accorgiamo che il bipede pagato a peso d'oro é un bidone é difficile correre ai ripari e chi lo fa spesso chiappa un'altra sola. Nella stesura di una squadra esiste solo una regola: vanno presi bipedi che nell'anno precedente abbiano fatto bene e che godono di una forte integrità fisica. ..tutto il resto son seghe mentali.


Bizzarrie: ALESSANDRO DERI detto “Sollievo”: ….. è giovane, classe 81,. con un passato da centravanti in diverse società, Volterra, Certaldo e Sangimignano Da mister spesso dirige anche la parte atletica, ha dimostrato di saper lavorare bene con i giovani e leggere bene le partite,. L'anno che esordì in eccellenza a Gambassi veniva da una retrocessione in 1^ categoria con il Certaldo .....tutti erano scettici sulle sue capacità e dicevano "come farà a salvarsi il Gambassi in eccellenza con un allenatore che è retrocesso in Promozione”?... come al solito le chiacchiere non fanno farina e Deri con una squadra giovane fece faville. Infatti se non ci fosse stato l'errore con il San Marco Avenza nella sostituzione di un bipede con la conseguente estirpazione dei tre punti poteva arrivare anche nei play-off. “Sollievo” è un mister che trasmette serenità all'ambiente, il tipo che non ha bisogno di urlare per farsi intendere. Si documenta e analizza l'avversario che dovrà incontrare per preparare la partita durante la settimana ed è molto dinamico sui moduli di gioco che adatta a seconda dei giocatori che mette in campo e delle squadre che deve affrontare. Lo scorso anno dopo una stagione sabbatica ha accettato la panchina a Colle dopo la tregenda della retrocessione dalla D, con la dissoluzione di tutta la rosa e con un undici titolare completamente nuovo messo subito in grado di esprimersi al massimo: Tutto ciò é stato molto singolare ...viene da domandarsi come abbia fatto ... quello che più stupisce è la grande continuità di risultati positivi ...é stata una cosa incredibile!!! ... sarà per i pochi infortuni e le minime squalifiche ….oppure mister Deri é un mago visto che in diverse occasioni dopo essere andato in svantaggio ha ribaltato la situazione. .. Calciocapace ha osservato più volte la Colligiana e secondo il suo insindacabile giudizio il motivo é il seguente: la squadra Biancorossa aveva un tipo di gioco assai particolare ...le azioni le sviluppava quasi esclusivamente sulle fasce dalle quali partivano calibrati cross per Granito o palle invitanti sul secondo palo per Aperuta ... il centrocampo veniva usato per contrastare con infiniti falli tattici tesi sempre ad interrompere l'azione avversaria ..probabilmente era per questo che la difesa subiva pochi gol ed anche perché stava molto alta costringendo gli avversari a giocare in spazi assai ristretti. Tutto ciò ha messo in evidenza come la squadra copriva perfettamente tutte le zone del campo ..quando arrivava il vantaggio l'atteggiamento della squadra si faceva parsimonioso infiocchettato da molti falli tattici a centrocampo, vera peculiarità di mister al fine di indispettire gli avversari e sorprenderli poi con un travolgente contropiede


Boia d'un Javel ho perso le chiavi di casa ...devo ritrovarle ..alla prossima.









Visto 757 volte | Commenti

calciocapace

Collaboratore

Login o Registrati per commentare