Tra Montevarchi e Bucinese vince l'equilibrio

5 Settembre 2016

Aquila Montevarchi-Bucinese 1-1
AQUILA MONTEVARCHI: Liberali, Ceccuzzi, Migliorini, Chiasserini, Travaglini, Gorini, Sorbini (70'Mannella), Monaci, Corsi (65'Renzi), Lacheheb (65' Mannelli), Daveri.

A disp.: Coppi, Raspanti, Cappelli, Essoussi.

All.: Rigucci.

BUCINESE: Pelliccio, Nguetta, Testi, Frijio, Prosperi, Verdi, Sottili, Fabbrini, Sacconi, Mecocci, Regoli (70' Pavani).

A disp.: Mugelli, Della Corte, Simone, Barbini, Bega, Moriani.

All.: Coppi.

ARBITRO: Erminio Cerbasi Arezzo, coad. da Marco Alfieri Prato e Gabriele Peloni Arezzo

RETI: 80' Mannella, 88' Pavani

Note: espulso Frijio all'84' per proteste, ammoniti Testi e Sottili per gioco pericoloso.


Quando tutto stava scivolando verso uno (scialbo?) zero a zero il finale di partita tra Montevarchi e Bucinese è stato vivacizzato da due perle di bravura di Mannella e Pavani, che hanno si impreziosito la gara ma non sono riuscite a scalfire il sostanziale equilibrio del match.Bella cornice di pubblico ieri al Brilli Peri: la concomitanza con la tradizionale "festa del perdono" non ha impedito ad un migliaio di spettatori di riempire lo stadio, particolarmente apprezzato è stato lo striscione esposto dalla Curva Sud dove si manifestava solidarietà nei confronti dei terremotati.Le squadre si sono affrontate con uno speculare 4-3-3: è stato il Montevarchi che ha "fatto la partita" ma la Bucinese, lungi dal farsi intimorire, ha asfissiato il gioco degli aquilotti con continui raddoppi sia su Lacheheb (che invano si è dannato l'anima per uscire da quella gabbia) che su Monaci (che poi ha puntato su improvvise verticalizzazioni per evadere dalla sua "guardia), cercando piuttosto di riproporsi in avanti con continue ripartenze, che però non hanno mai davvero impensierito Liberali.In pratica, l'unico evento davvero degno di nota nel primo tempo è stato un tiro da fuori area di quest'ultimo, al 20', che ha scheggiato la base del palo alla destra di Pelliccio.Al riprendere dell'incontro il Montevarchi ha cercato, con Lacheheb, di sorprendere la difesa avversaria con una insistita percussione sulla fascia sinistra ma, una volta penetrato in area, i raddoppi di marcatura dei difensori hanno vanificato l'iniziativa.Vedendo che il proprio schema di gioco garantisce il risultato la Bucinese ha, a sua volta, cercato di proporsi in avanti e, sfruttando un paio di papere della retroguardia rossoblu, ha  tentato il colpo a sorpresa ma nessun tiro ha mai davvero impensierito la porta aquilotta.Lungi dall'arrendersi, entrambi gli allenatori hanno cercato di far loro l'intera posta: Rigucci ha inserito forze fresche (avvicendando Lacheheb e Corsi con Mannelli e Renzi) mentre Coppi ha sostituito un esausto Regoli (assai impalpabile la sua prestazione) con Pavani.Negli ultimi minuti la stanchezza ed il nervosismo hanno logorato gli atleti, ne hanno fatto le spese Testi e Sottili, ammoniti (e, dunque, "beccati" dai tifosi rossoblu) per gioco falloso.Tutto pareva avviato verso lo zero a zero e, invece, il neo entrato Mannella, approfittando del fatto che gli arancioverde non avevano ancora aggiustato la marcatura su di lui, all'80' ha raccolto una palla sulla sua fascia sinistra, sulla tre quarti offensiva, si è accentrato e, all'altezza della lunetta, ha fatto partire un potente fendente che  si è insaccato all'angolino basso alla sinistra della porta di Pelliccio, tuffatosi invano.La reazione dei bucinesi è stata furibonda ma poco organizzata e poteva essere davvero compromessa quando, all'84', Frijio ha detto qualcosa di troppo all'arbitro, il quale lo ha espulso direttamente dal campo.L'ennesima ripartenza ospite frutta un calcio di punizione appena fuori dell'area di rigore dei rossoblu: nonostante Liberali abbia piazzato correttamente la barriera la punizione battuta da Pavani è stata perfetta ed ha infilato la porta aquilotta appena sotto l'incrocio dei pali, vanificando il volo di Liberali.I quattro minuti di recupero non sono bastati per consentire di proporre qualcosa di nuovo, inoltre i giocatori (complice anche la cappa d'umido che gravava sul valdarno) erano davvero esausti, dunque si sono accontentati di un risultato di parità che lascia sostanzialmente inalterate le possibilità, per entrambe le squadre, di accedere al turno successivo.Ad una settimana dall'inizio del campionato le formazioni sono apparse, ai tifosi, ancora "acerbe": il tasso atletico mostrato ieri è stato eccellente ma è parso palese il fatto che molti schemi, per entrambe le squadre, devono essere ancora ben rodati.

Visto 1350 volte